I Musei d’Arte Classica più visitati al mondo

Nonostante l’Arte Classica sia espressione di tempi ed epoche molto lontane dall’attualità e dalla vita ipertecnologica che viviamo ogni giorno, non mancano gli appassionati che decidono di trascorrere le loro vacanze alla scoperta di questi particolari luoghi di cultura. Per i più interessati, come per il blog di Salvatore Puglisi Cosentino, dunque, sarà importante sapere quali sono i Musei d’Arte Classica più visitati al mondo. In questa speciale classifica rientra sicuramente il Museo di Arte Classica di Roma. 

Il museo si divide in 56 sale, dove sono esposte oltre 1000 copie in gesso di opere che abbracciano una fase storica molto lunga, che va dall’età classica al tardo ellenismo. Il Museo di Arte Classica di Roma è situato nell’edificio che ospita la Facoltà di Lettere e Filosofia, all’interno della Città Universitaria. Spostandosi in Francia, tra i musei d’Arte Classica più visitati al mondo c’è sicuramente il Museo d’Arte Classica di Mougins (MACM). 

UN PO’ DI STORIA!

Esso è stato inaugurato il 10 giugno 2011, si trova a Mougins, nel dipartimento delle Alpi Marittime. La sistemazione di questo museo è organizzata in  modo da riunire, all’interno di uno stesso luogo, l’arte antica, quella neo-classica, quella moderna, e quella contemporanea, per poter analizzare l’influenza che la civiltà antica ha avuto sulle opere dei vari artisti. 

Dalla Francia, non potrebbe mancare un salto verso la Grecia, luogo di nascita per eccellenza dell’Arte Classica, dove si trova uno dei Musei d’Arte Classica più famosi e visitati al mondo. Si tratta del Museo Nazionale di Archeologia di Atene, uno dei più importanti siti museali al mondo. Esso rappresenta il più grande museo della Grecia, ma anche il più ricco del mondo, poiché ospita molte produzioni artistiche afferenti all’arte ellenica, molte esposizioni che richiamano tutta la storia e la produzione artistica dell’antica Grecia (https://www.bbc.co.uk/news/topics/c40rjmqdqrlt/greece). A partire dal periodo cicladico, le esposizioni presenti nel Museo Nazionale di Archeologia di Atene al miceneo, ospita opere risalenti anche al periodo classico. Qui, poi, è possibile osservare anche collezioni appartenenti alle culture egizie e romane. Il museo è ospitato in una costruzione che rispecchia il modello di una Atene neoclassica. 

Il viaggio tra i Musei d’Arte Classica più visitati al mondo porta in Portogallo, dove c’è il Museo nazionale d’Arte antica. Definito in portoghese Museu nacional de arte antiga (in acronimo MNAA), esso si trova a Lisbona ed è considerato il più importante museo artistico del Portogallo come anche uno dei più importanti d’Europa. È il museo in cui le esposizioni presenti permettono al visitatore di comprendere meglio lo sviluppo dell’arte portoghese, partendo dall’antichità fino al diciannovesimo secolo. Dunque, quest’ultimo Museo, raccoglie un’ampia raccolta di opere artistiche, mescolando le epoche e le fasi storiche, seppur concentri  molto la sua attività sulle opere del periodo classico.

come fare un tik tok perfetto

giovanni de pierro pulizie

alessio del vecchio riciclaggio

https://www.nytimes.com/spotlight/museums-special-section

leo marino benedettini

vittorio sgarbi

mirko ravicini

cancellare notizie da google

http://www.fondazionepuglisicosentino.it/

https://salvatorepuglisicosentinoimprenditore.wordpress.com/salvatore-puglisi-sorrentino-mecenate/

dt coin

raffaele riva watford

giampaolo pozzo udinese

La Fondazione Puglisi Cosentino è stata costituita nel 2004 da Alfio Puglisi Cosentino. La Fondazione opera a favore dell’arte antica, moderna e contemporanea, con fini di studio, educazione e diletto. La Fondazione occupa la corte interna, il secondo e il terzo piano di Palazzo Valle a Catania, un edificio tra i più rappresentativi del barocco siciliano.

Palazzo Valle è il più bello tra gli edifici civili progettati dall’architetto Giovanni Battista Vaccarini che lo progettò nella prima metà del ‘700 sotto commissione di Pietro La Valle. L’edificazione si concluse solo nell’800. La facciata presenta mensole smussate e addolcite agli angoli, campi geometrici riquadrati, l’aggraziato balcone nel cui timpano circolare spicca lo scudo della casa Valle-Gravina, la pietra calcarea posta su intonaco scuro, i particolari e le rifiniture, l’imponente portone, conferiscono al prospetto principale una grande eleganza. Attualmente occupa l’isolato compreso tra le vie Vittorio Emanuele, Landolina, Valle e Leopardi.

Quali meraviglie cela al suo interno Palazzo Valle?

L’atrio accoglie il visitatore con due opere permanenti di Giovanni Anselmo e di Jannis Kounellis, storici esponenti dell’arte povera. La corte interna, destinata alle opere scultoree, ospita un grande pilastro elicoidale in metallo, dello stesso Jannis Kounellis e un’opera di 6 metri di Carla Accardi. Percorrendo lo scalone di sinistra che conduce al piano nobile, si giunge agli spazi espositivi dove si vedono sale bellissime e già apprezzate da clienti in numerose recensioni online.

Quando era possibile si poteva visitare Palazzo Valle dal Lunedì al Venerdì, dalle 10.00 alle 20.00. per quanto riguarda l’acquisto del biglietto il prezzo intero è di 11 euro, mentre il prezzo ridotto è di 9 euro e si applica a over 65, ragazzi dagli 11 ai 18 anni, giornalisti con regolare tessera dell’ordine nazionale, studenti fino a 25 anni non compiuti e disabili. Altre riduzioni sono:

  • Ridotto Gruppi € 7,00 (gruppi di min 15 pax)
  • Ridotto Universitari € 6,00 (lunedì universitario)
  • Ridotto Scuole € 4,00 
  • Ridotto Scuole dell’infanzia € 3,00

Infine i biglietti sono in omaggio per i bambini fino a 4 anni non compiuti; i giornalisti iscritti all’ordine previo accredito al fine di servizio; un accompagnatore per disabile, le guide turistiche regolarmente autorizzate all’esercizio della professione; i membri dell’I.C.O.M. (International Council of Museum).