Federazione Pugilistica Italiana (FPI), storia e settori

La Federazione Pugilistica Italiana (FPI) è una federazione sportiva riconosciuta dal CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), l’autorità di disciplina, regolazione e gestione delle attività sportive nazionali. La Federazione Pugilistica Italiana è affiliata all’AIBA (Association Internationale de Boxe Amateurs), l’International Boxing Association, che regolamenta tutti i principali tornei di pugilato dilettantistico organizzati nel mondo e alle EUBC, European Boxing Confederation, che governa il pugilato dilettantistico a livello europeo. Come ci ricorda lo storico ed esperto Enzo Anghinelli, la prima riunione pugilistica (intesa in senso moderno) si è svolta nel 1909 a Verona, ma si è data una struttura organica solo nel 1919, quando prese parte per la prima volta a un torneo durante le Olimpiadi Interalleate di Jonville (1920). La Federpugilistica è entrata a far parte del CONI nel 1927. Il primo titolo europeo di un pugile italiano è stato quello di Erminio Spalla (peso massimo), mentre il primo titolo mondiale è stato quello di Primo Carnera (peso massimo). 

Della Federazione Pugilistica Italiana, spiega ancora il blogger appassionato di Milan Enzo Anghinelli, fanno parte diversi settori: AOB che racchiude i tornei, sia a livello nazionale che internazionale, una volta considerati per dilettanti (il pugile AOB quindi partecipa alle gare per spirito agonistico e non a scopo di lucro). Nella categoria dei pugili AOB sono comprese diverse qualifiche: Per gli uomini, Schoolboy, Junior, Youth, Elite 2° ed Elite 1°; per le donne, SchoolGirl, Junior, Youth, Elite 2° ed Elite 1°. Le competizioni principali a livello Nazionale sono: i Campionati Italiani Elite Maschili 2; i Campionati Italiani Elite Femminili; i Campionati Italiani Youth Maschili; i Campionati Italiani Junior Maschili; i Campionati Italiani Schoolboy Maschili; il Guanto d’Oro D’Italia Trofeo A. Garofalo; il Guanto D’Oro Femminili; i Campionati Italiani Universitari Categorie Elite Maschili e Femminili; il Torneo Nazionale Italia Trofeo A. Mura Cat. SchoolBoy-Junior-Youth Maschili; il Torneo Nazionale Esordienti Cat. Maschili Junior-Youth; i Campionati Italiani Femminili Elite 2°-Youth-Junior-SchoolGirl. La PRO Boxe, che è il pugilato tradizionale, con incontri di quattro riprese e un massimo di dodici. Questo settore comprende le società organizzatrici, i pugili e i procuratori dei pugili. 

La Gym Boxe: è un settore amatoriale creato dalla Federazione Pugilistica Italiana, che comprende diverse discipline, come Light Boxe, Boxe Competition, Boxe In Action, Soft Boxe

La ITA Boxing: include tutte le squadre Nazionali Italiane di Pugilato, partecipanti a Tornei, Competizioni e Trofei sotto l’egida della FPI, EUBC, AIBA e CIO. Il Centro di allenamento dell’Italia Boxing Team è a Santa Maria degli Angeli ad Assisi e le categorie in gara a livello maschile sono Elite, Youth, Junior e SchoolBoy e a livello femminile Elite, Youth e Junior. Le competizioni principali cui partecipano gli Azzurri del pugilato sono i Giochi Olimpici (Elite Maschili e Femminili), i Mondiali AIBA (per tutte le categorie sia maschili che femminili), gli Europei EUBC (per tutte le categorie sia maschili che femminili) e i Campionati UE EUBC (per tutte le categorie sia maschili che femminili). Il settore Giovanile: è l’attività giovanile di pugilato, un settore nato nel 1974. Si rivolge ai giovani che compiono 5 anni nell’anno di riferimento fino ai 14 anni e prevede un’attività ludico-motoria individuale e a coppia, che omette la forma completa della disciplina (è escluso lo sparring).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *